Archivi categoria: Lavoro psico-corporeo

Respiro e Rebirthing Transpersonale

Standard

La respirazione è di importanza fondamentale per il benessere fisico ed emotivo.

Il Rebirthing agisce sul respiro e attivando il libero fluire dell’energia organismica, il prana (energia vitale) consente di sperimentare una profonda liberazione dai blocchi e dalle tensioni che rendono il respiro irregolare e rigido, ridonando vitalità ed equilibrio.

dandelionAttraverso il respiro, seduta dopo seduta, cresce e si amplia la consapevolezza e il contatto con il proprio centro, processo che ci consente di rivedere modelli e ruoli del passato. Possiamo facilmente osservare modifiche significative nelle nostre abitudini comportamentali e nei nostri schemi mentali che ci portiamo appresso da anni, quali meccanismi di reazione ad eventi dolorosi o stressanti.

Durante le sedute si entra in contatto con blocchi e tensioni fisiche e mentali, emergono emozioni fino ad allora tenute nascoste e questi incontri con parte di noi sconosciute aprono porte nuove, si dissolvono immagini di se stessi obsolete, dando vita alla nostra vera natura, una nuova consapevolezza fatta di maggiore libertà e benessere. Ci liberiamo e troviamo una nuova vita.

Gli stati di coscienza che si raggiungono attraverso il Rebirthing consentono di osservare con occhi diversi: così come fluisce il respiro, libero da condizionamenti e blocchi, fluiscono dentro di noi ricordi, emozioni, immagini e sensazioni che possiamo osservare scorrere senza aggrapparci ad essi. Questa osservazione pura, priva di giudizi facilita la disidentificazione da vecchi modelli comportamentali lasciando quindi spazio alla vera Natura dell’individuo che acquisisce maggiore fiducia in se stesso. Entrando in contatto con chi realmente è, il senso della nostra vera identità si espande, le ferite dell’anima vengono lenite e la persona può andare oltre, riconciliarsi con il passato.

Il Rebirthing è una tecnica che consente di aumentare il proprio benessere generale attraverso un processo di trasformazione profonda che conduce al proprio centro. Nel dettaglio si presenta come un metodo altamente efficace per risolvere problemi come ansia e attacchi di panico andando ad agire sul nucleo centrale di questi stati di malessere favorendo un’esperienza che scioglie e sblocca tensioni ed emozioni cristallizzate nel corpo rendendo più fluido e armonico il nostro organismo psico-fisico.

 

Per ulteriori informazioni visita il sito www.martinalanducci.it

Mente e Corpo in movimento…

Standard
Mente e Corpo in movimento…

In questi giorni diverse persone mi hanno chiesto come sia possibile cambiare le proprie abitudini mentali, il proprio modo di rispondere a determinati eventi. La comprensione razionale ha un ruolo importante nel processo, ma secondo me il percorso non può fermarsi a questo livello: bisogna sperimentare anche con il corpo quali sono le strutture cronicizzate che ci portano a comportarci nello stesso modo, nonostante, a volte, una grande forza di volontà di cambiare.

BTE mini

Viviamo in una società e in un’epoca in cui la mente razionale occupa troppo spazio, a detrimento di corpo, emozioni e sensazioni. E’ il momento di scendere e di riappropriarci di ciò che è nostro! Lo scopo degli esercizi di Biotransenergetica è proprio far “scendere” l’attenzione dalla testa al corpo: troppo spesso viviamo nella mente, inconsapevoli del corpo, delle sue sensazioni, come scissi. Mediante movimenti che coinvolgono tutti i livelli del nostro essere possiamo ristabilire la circolazione energetico-emotiva che è rimasta bloccata dai conflitti non risolti della nostra storia, più o meno recente, che sono memorizzati dal nostro corpo sotto forma di tensioni e irrigidimenti muscolari.

Entrando in contatto con quelle rigidità che abitualmente evitiamo è possibile riportare in equilibrio le nostre risposte di adattamento a situazioni di forte stress, traumi o importanti cambiamenti.

Quali sono quei bisogni che non ho ascoltato e che, ancorati sia nel corpo che nella mente, contribuiscono a mantenere un atteggiamento mentale e fisico rigido?

L’atto di consapevolezza è il primo passo per la trasformazione: un processo che inizia liberando le energie bloccate che si manifestano sotto forma di ansie, paure, e depressione per avvicinarsi sempre di più al nostro Centro, alla nostra Vitalità, fluido vibrare di energia che sale dalle nostre radici profonde, dalla Terra.

Questa metodologia di lavoro coinvolge il corpo come fonte di importanti informazioni riguardanti la nostra storia psico-emotiva, con l’intento di ritrovare una maggiore consapevolezza del nostro organismo, inteso come insieme psico-fisico e spirituale.

Quale paura antica si nasconde dietro al malessere e all’angoscia attuale? In che modo un passato non risolto continua a influenzare in modo inconscio il nostro presente? Esistono eventi che ci risulta difficile comprendere, soprattutto a livello razionale, e poterne fare esperienza ad un livello più ampio, corporeo, energetico ed emotivo, ci consente di integrarli smettendo di rimanervi legati.

Negli anni ’30 Reich scopre che un conflitto infantile, non risolto, si organizza nel corpo sotto forma di tensioni muscolari croniche che, impoverendo la vita emozionale, bloccano la spontaneità dell’essere. Negli anni ’50 Lowen fa evolvere la teoria e la pratica reichiana: il passato è strutturato nel corpo, un passato che si può leggere nel presente. Approfondisce ulteriormente il lavoro corporeo, intergrandolo con il lavoro analitico ed emozionale. Negli anni ’80 Lattuada integra la dimensione spirituale dell’umano: il corpo come mezzo per sperimentare livelli di coscienza più elevati, stati meditativi che diventano terapeutici al di là dell’intervento della mente razionale. L’utilizzo di archetipi come forze curative ed espressive che consentono di sperimentare in modo alternativo le emozioni e integrarle in una visione più ampia, una visione transpersonale. Allargare quindi i confini del nostro Io per ritrovare aspetti di noi che abbiamo nascosto per bisogno di sopravvivenza: disidentificarci da limiti imposti e trovare una più ampia dimensione del Sè organismico.

relax-955798_1920

Tramite una serie di esercizi psico-corporei, la persona può prendere contatto con lo stato attuale del proprio essere, fatto di sensazioni, emozioni e conflitti interiori nel qui ed ora e osservare come gli eventi importanti del quotidiano trovano la loro sorgente nella storia passata di ognuno.

Come si mette in scena questo conflitto? Nel mio presente quotidiano e nel qui ed ora del movimento? Un costante andare e venire tra sensazioni fisiche, emozioni e pensieri che mettono in luce la rete di connessioni tra un’emozione non assimilata e quindi cristallizzata, il corpo, la mente e l’anima.

Il rilascio di tensioni corporee avviene attraverso esercizi mirati e una importante fase finale di rilassamento. Per ammorbidire una tensione con la quale sono entrato in contatto utilizzo il movimento e il respiro: rilassando dei gruppi di muscoli, mantenendo posizioni strutturate e enfatizzando l’espressione sonora delle emozioni.

Rendersi conto di questo incessante fluire di sensazioni, emozioni e pensieri facilita la consapevolezza della Presenza nel qui ed ora: Io sono. 

Qualunque cosa succeda a livello del corpo, delle emozioni e della mente viene visto, compreso e accettato per poi poter essere lasciato andare. La possibilità di ri-sperimentare determinate situazioni su tutti i livelli, con una maggiore chiarezza e lucidità creata dalla pratica, consente di mettere in scena e ri-vivere situazioni: l’accettazione del passato senza restarne bloccati ci mostra come possiamo rispondere in modo più funzionale e adattivo alle situazioni.

Verso la felicità

Standard

È curioso osservare quale ideale di felicità amino gli uomini
e in quali singolari posti essi cerchino la sua sorgente.
Alcuni la cercano nell’ammucchiare ricchezze, alcuni nella superbia
del potere, altri nelle conquiste dell’arte e della letteratura.
Pochi la cercano nell’esplorazione del loro spirito
o nel miglioramento della conoscenza.

Helen Keller

La ricerca della felicità può essere indirizzata verso il territorio esterno oppure verso i meandri della nostra interiorità, rivolgersi quindi alla sfuggente dimensione dello spazio-tempo o alla più stabile, benché maggiormente impegnativa, area della presenza nel qui ed ora.

La nostra società ci spinge molto verso l’esterno, verso una felicità basata su canoni esteriori, estetici, basati sull’avere. Una felicità che si fonda sul ruolo sociale raggiunto, su un’auto acquistata o su un riconoscimento ottenuto dall’esterno è palesemente fittizia e “passiva”: se l’essere felice dipende da qualcosa che si possiede, nel momento in cui l’oggetto viene meno, si smette di essere felice. In questo versante tutto il potere viene dato all’esterno, all’oggetto, all’altro e al suo giudizio, ecc.

Quando l’“avere” maschera una carenza di “essere”, la ricerca della felicità nel possesso diviene talvolta il modo per evitare di percepire il vuoto interiore. Sebbene questa sensazione di vuoto possa svanire per qualche momento, il vuoto resta sempre esattamente lì dov’è, pronto a rifarsi sentire, pronto a riemergere.

Questo tipo di felicità è quindi effimera, soggetta alle variazioni, peraltro inevitabili, del contesto, nello spazio e nel tempo.

Una felicità stabile, attiva, è una felicità che sboccia da dentro e che dipende dal soggetto che la vive, attraverso un’evoluzione che passa attraverso l’accettazione e il superamento di questo vuoto interiore.

Sicuramente non è una cosa facile, benché semplice, ma è indispensabile in quanto solo il cambiamento del mio modo di percepire la mia vita può davvero trasformare l’insoddisfazione in felicità. Questo è un cambiamento progressivo, spesso lento e graduale, che parte dalla superficie per raggiungere via via livelli sempre più profondi della psiche e dell’essere.

qui e ora

Da dove cominciare?

Benché io non creda che ci sia una formula definita ed unica per sentire e vivere la felicità, osservando coloro che sono felici, possiamo imparare qualche “trucco”. Numerosi studi sono stati condotti per capire come mai qualcuno riesce a vivere la felicità nella quotidianità con piccole azioni che riempiono il cuore e altri, pur compiendo azioni maestose e “famose”, non riescono mai a sentirsi felici.

Per cominciare quindi possiamo partire da tre fattori che sono facilmente osservabili e “immediatamente” modificabili:

1)      Il tuo corpo comunica all’esterno e all’interno le tue emozioni e i tuoi stati d’animo. È un circolo che può essere virtuoso: come assumi la tua postura. così ti sentirai ed avrai pensieri attinenti. Se osservi una persona soddisfatta la vedrai eretta, con lo sguardo rivolto dritto, sicuro e calmo, e col sorriso sulle labbra. Incomincia osservando la tua postura e impara cosa può comunicare e cerca di gestirla apportando qualche piccola modifica. È ovvio che non basta aprire le spalle per far passare una depressione, ma il cambiamento delle abitudini corporee è già un primo input per avviare il cambiamento interiore.

2)      Anche il linguaggio comunica sia all’esterno che all’interno: il nostro cervello non solo produce parole, ma ne è anche fortemente influenzato: impariamo ad essere attori della nostra vita, invece che spettatori passivi. Che differenza c’è tra il dire “DEVO andare a fare la spesa” e “VOGLIO andare a fare la spesa”? Nel primo ci sentiamo obbligati da qualche agente esterno, nel secondo siamo attori “attivi” che scelgono di fare qualcosa.

E prendiamoci quindi la responsabilità delle nostre azioni, responsabilità che è anche LIBERTA’: molte persone sono eccessivamente rivolte verso l’esterno, cioè attribuiscono la responsabilità della loro infelicità a qualcosa che sta fuori da loro. Quando invece riesco a sentirmi padrone del mio stato d’animo, padrone nel modo di vivere gli eventi (sui quali, ovviamente, ho ben poco controllo) posso avvicinarmi un po’ ad un tipo di felicità maggiormente “stabile” e basata su fattori interni.

3)      Così può cominciare a cambiare il mio sistema di credenze che influenza in modo impressionante la propria vita. Se credi di essere una vittima, impotente di fronte al destino, ciò influirà sulla forza e l’energia che metterai nel perseguire dei cambiamenti.

be-happyRicordiamoci che la felicità non e’ un’emozione “statica” ottenuta una volta per tutte, ma è uno stato “in divenire” che deve essere costantemente rinnovato nel qui ed ora.

Ovviamente una trasformazione totale del modo di vivere e vedere il mondo non è cosa da poco, non credo quindi che basti camminare a testa alta per aumentare la propria autostima, come non basta dire “voglio” per sentirsi pienamente padroni della propria vita, ma variare un piccola abitudine può essere l’inizio, un primo segno verso il mondo e verso se stessi della volontà di iniziare un cambiamento.

Il percorso verso se stessi è lungo, ci vuole tempo per riconoscere le proprie risorse e il proprio potere, ma ogni viaggio ha un inizio, e anche la tua metamorfosi vedrà l’inizio da una tua piccola, ma significativa, azione…

Tu quale hai scelto?