Archivi categoria: Attacchi di panico

RESPIRA LA VITA -Seminario di Rebirthing Transpersonale

Standard

Un metodo di crescita personale basato sul respiro che promuove sblocchi emotivi ed energetici profondi per superare stati di ansia e attacchi di panico.

reb DEF

 

 

Annunci

Respiro e Rebirthing Transpersonale

Standard

La respirazione è di importanza fondamentale per il benessere fisico ed emotivo.

Il Rebirthing agisce sul respiro e attivando il libero fluire dell’energia organismica, il prana (energia vitale) consente di sperimentare una profonda liberazione dai blocchi e dalle tensioni che rendono il respiro irregolare e rigido, ridonando vitalità ed equilibrio.

dandelionAttraverso il respiro, seduta dopo seduta, cresce e si amplia la consapevolezza e il contatto con il proprio centro, processo che ci consente di rivedere modelli e ruoli del passato. Possiamo facilmente osservare modifiche significative nelle nostre abitudini comportamentali e nei nostri schemi mentali che ci portiamo appresso da anni, quali meccanismi di reazione ad eventi dolorosi o stressanti.

Durante le sedute si entra in contatto con blocchi e tensioni fisiche e mentali, emergono emozioni fino ad allora tenute nascoste e questi incontri con parte di noi sconosciute aprono porte nuove, si dissolvono immagini di se stessi obsolete, dando vita alla nostra vera natura, una nuova consapevolezza fatta di maggiore libertà e benessere. Ci liberiamo e troviamo una nuova vita.

Gli stati di coscienza che si raggiungono attraverso il Rebirthing consentono di osservare con occhi diversi: così come fluisce il respiro, libero da condizionamenti e blocchi, fluiscono dentro di noi ricordi, emozioni, immagini e sensazioni che possiamo osservare scorrere senza aggrapparci ad essi. Questa osservazione pura, priva di giudizi facilita la disidentificazione da vecchi modelli comportamentali lasciando quindi spazio alla vera Natura dell’individuo che acquisisce maggiore fiducia in se stesso. Entrando in contatto con chi realmente è, il senso della nostra vera identità si espande, le ferite dell’anima vengono lenite e la persona può andare oltre, riconciliarsi con il passato.

Il Rebirthing è una tecnica che consente di aumentare il proprio benessere generale attraverso un processo di trasformazione profonda che conduce al proprio centro. Nel dettaglio si presenta come un metodo altamente efficace per risolvere problemi come ansia e attacchi di panico andando ad agire sul nucleo centrale di questi stati di malessere favorendo un’esperienza che scioglie e sblocca tensioni ed emozioni cristallizzate nel corpo rendendo più fluido e armonico il nostro organismo psico-fisico.

 

Per ulteriori informazioni visita il sito www.martinalanducci.it

Mente e Corpo in movimento…

Standard
Mente e Corpo in movimento…

In questi giorni diverse persone mi hanno chiesto come sia possibile cambiare le proprie abitudini mentali, il proprio modo di rispondere a determinati eventi. La comprensione razionale ha un ruolo importante nel processo, ma secondo me il percorso non può fermarsi a questo livello: bisogna sperimentare anche con il corpo quali sono le strutture cronicizzate che ci portano a comportarci nello stesso modo, nonostante, a volte, una grande forza di volontà di cambiare.

BTE mini

Viviamo in una società e in un’epoca in cui la mente razionale occupa troppo spazio, a detrimento di corpo, emozioni e sensazioni. E’ il momento di scendere e di riappropriarci di ciò che è nostro! Lo scopo degli esercizi di Biotransenergetica è proprio far “scendere” l’attenzione dalla testa al corpo: troppo spesso viviamo nella mente, inconsapevoli del corpo, delle sue sensazioni, come scissi. Mediante movimenti che coinvolgono tutti i livelli del nostro essere possiamo ristabilire la circolazione energetico-emotiva che è rimasta bloccata dai conflitti non risolti della nostra storia, più o meno recente, che sono memorizzati dal nostro corpo sotto forma di tensioni e irrigidimenti muscolari.

Entrando in contatto con quelle rigidità che abitualmente evitiamo è possibile riportare in equilibrio le nostre risposte di adattamento a situazioni di forte stress, traumi o importanti cambiamenti.

Quali sono quei bisogni che non ho ascoltato e che, ancorati sia nel corpo che nella mente, contribuiscono a mantenere un atteggiamento mentale e fisico rigido?

L’atto di consapevolezza è il primo passo per la trasformazione: un processo che inizia liberando le energie bloccate che si manifestano sotto forma di ansie, paure, e depressione per avvicinarsi sempre di più al nostro Centro, alla nostra Vitalità, fluido vibrare di energia che sale dalle nostre radici profonde, dalla Terra.

Questa metodologia di lavoro coinvolge il corpo come fonte di importanti informazioni riguardanti la nostra storia psico-emotiva, con l’intento di ritrovare una maggiore consapevolezza del nostro organismo, inteso come insieme psico-fisico e spirituale.

Quale paura antica si nasconde dietro al malessere e all’angoscia attuale? In che modo un passato non risolto continua a influenzare in modo inconscio il nostro presente? Esistono eventi che ci risulta difficile comprendere, soprattutto a livello razionale, e poterne fare esperienza ad un livello più ampio, corporeo, energetico ed emotivo, ci consente di integrarli smettendo di rimanervi legati.

Negli anni ’30 Reich scopre che un conflitto infantile, non risolto, si organizza nel corpo sotto forma di tensioni muscolari croniche che, impoverendo la vita emozionale, bloccano la spontaneità dell’essere. Negli anni ’50 Lowen fa evolvere la teoria e la pratica reichiana: il passato è strutturato nel corpo, un passato che si può leggere nel presente. Approfondisce ulteriormente il lavoro corporeo, intergrandolo con il lavoro analitico ed emozionale. Negli anni ’80 Lattuada integra la dimensione spirituale dell’umano: il corpo come mezzo per sperimentare livelli di coscienza più elevati, stati meditativi che diventano terapeutici al di là dell’intervento della mente razionale. L’utilizzo di archetipi come forze curative ed espressive che consentono di sperimentare in modo alternativo le emozioni e integrarle in una visione più ampia, una visione transpersonale. Allargare quindi i confini del nostro Io per ritrovare aspetti di noi che abbiamo nascosto per bisogno di sopravvivenza: disidentificarci da limiti imposti e trovare una più ampia dimensione del Sè organismico.

relax-955798_1920

Tramite una serie di esercizi psico-corporei, la persona può prendere contatto con lo stato attuale del proprio essere, fatto di sensazioni, emozioni e conflitti interiori nel qui ed ora e osservare come gli eventi importanti del quotidiano trovano la loro sorgente nella storia passata di ognuno.

Come si mette in scena questo conflitto? Nel mio presente quotidiano e nel qui ed ora del movimento? Un costante andare e venire tra sensazioni fisiche, emozioni e pensieri che mettono in luce la rete di connessioni tra un’emozione non assimilata e quindi cristallizzata, il corpo, la mente e l’anima.

Il rilascio di tensioni corporee avviene attraverso esercizi mirati e una importante fase finale di rilassamento. Per ammorbidire una tensione con la quale sono entrato in contatto utilizzo il movimento e il respiro: rilassando dei gruppi di muscoli, mantenendo posizioni strutturate e enfatizzando l’espressione sonora delle emozioni.

Rendersi conto di questo incessante fluire di sensazioni, emozioni e pensieri facilita la consapevolezza della Presenza nel qui ed ora: Io sono. 

Qualunque cosa succeda a livello del corpo, delle emozioni e della mente viene visto, compreso e accettato per poi poter essere lasciato andare. La possibilità di ri-sperimentare determinate situazioni su tutti i livelli, con una maggiore chiarezza e lucidità creata dalla pratica, consente di mettere in scena e ri-vivere situazioni: l’accettazione del passato senza restarne bloccati ci mostra come possiamo rispondere in modo più funzionale e adattivo alle situazioni.

ATTACCHI DI PANICO E ANSIA: SUPERARLI CON IL RESPIRO CONSAPEVOLE

Standard

evento 9 aprile

Un’ora dedicata alla conoscenza del respiro, utile alleato del nostro benessere.

Scopriremo perché e come il nostro modo di respirare può essere collegato a stati di malessere

e sperimenteremo come respirare “meglio” può aiutare a gestire ansia e attacchi di panico.

EVENTO GRATUITO
NECESSARIA LA PRENOTAZIONE: 3288274563

oppure tramite mail a info@martinalanducci.it

SEGUI SU FACEBOOK

La meditazione in psicoterapia: è possibile un’integrazione?

Standard
La meditazione in psicoterapia: è possibile un’integrazione?

«Come la superficie del mare si increspa quando soffia il vento, così anche la mente tende ad agitarsi e a divenire reattiva in presenza di turbolenze esterne. Ma se scendi quattro o cinque metri sotto la superficie del mare trovi solo un lievissimo movimento: a quella profondità l’acqua è calma anche quando la superficie è tempestosa».
Jon Kabat-Zinn

La rinnovata attenzione ad un approccio olistico della persona dimostra che si sta tornando ad un modello maggiormente integrato dell’individuo, che viene quindi considerato in senso olistico, quale unità di mente e corpo, inserito in una contesto sociale dal quale è influenzato e che influenza a sua volta. Questa unità non è intesa solo tra piano fisico e mentale, ma comprende anche il piano dell’anima, del Sé e la consapevolezza dell’esistenza di altri piani di coscienza. Le esperienze del livello transpersonale implicano un’espansione della coscienza al di là dei confini convenzionali dell’organismo e del senso di identità più ampio. È un modo di coscienza in cui l’individuo si sente connesso al cosmo nella sua totalità e trascende spesso il ragionamento logico e l’analisi intellettuale, approssimandosi ad un’esperienza mistica diretta della realtà.

Cos’è la meditazione?
Lo stato meditativo è caratterizzato da una osservazione pura, una chiara consapevolezza e attenzione al nell’hic et nunc. Uno stato di unità che trascende l’ordinaria percezione di dualità: qui mente e corpo sono armoniosamente concepite come parti integrate di un tutt’uno che è l’individuo nel qui ed ora. Questa è una condizione da riconoscere piuttosto che da raggiungere. La tradizione infatti ci insegna che tale dovrebbe essere la condizione naturale della mente, ovvero uno stato di totale fluidità e quiete dove emerge dall’attenzione intenzionale una consapevolezza del dispiegarsi dell’esperienza momento per momento.
La meditazione è la “tecnica” per entrare in questo stato: uno strumento che insegna un altro modo, ossia il ‘come’, di essere e fare: la pratica infatti estesa all’intera esistenza quotidiana. Strettamente legata al “dire sì”, cioè restare ed osservare senza fare null’altro, questa tecnica consiste nel lasciare scorrere il respiro senza bloccarlo, consentire il libero fluire delle emozioni e dei pensieri senza aggrapparvisi, lasciare emergere ogni ricordo senza scacciarlo via. Entrando nello stato meditativo si riduce la sensibilità agli stimoli esterni e si accentua quella agli stimoli interni: si entra in contatto con se stessi e al contempo migliora l’ascolto dell’esterno. Priva di giudizio e blocchi la mente può cominciare a percepire ciò che realmente è: le parole, la logica, la razionalità lasciano il posto a un’osservazione silente di ciò che avviene sui 5 livelli del corpo-mente (fisico, energetico, emotivo, mentale e spirituale) e nell’ambiente circostante.
La concentrazione profonda in cui ci s’immerge crea una sensazione di pace, di vuoto e calma interiore che permettono di lasciare cadere i pesi della vita quotidiana, spesso contraddistinta da una ricerca della performance, un ascolto centrato sull’esterno ed un controllo delle emozioni… La meditazione consente di creare uno spazio interno di silenzio che permette di ascoltare la propria presenza senza turbamenti. Ora che la mente è sgombra da interferenze si può entrare realmente e profondamente in relazione con sé stessi.

Quale tipo di meditazione scegliere?
Esistono molti modi diversi di entrare in uno stato meditativo; ogni tipo di meditazione è caratterizzato da tecniche diverse sulle quali addestrare volontariamente la propria attenzione e consapevolezza.

Di seguito riporto alcune tecniche di base:

  • Ascoltare il respiro: focalizzare l’attenzione sulla respirazione e ascoltare l’andare e venire dell’onda respiratoria, l’alternarsi di inspirazione ed espirazione, profondamente e lentamente. Ogni qualvolta ci si rende conto di essersi distratti, tornare a focalizzare l’attenzione sul respiro.
  • Ascoltare il corpo: focalizzare l’attenzione sull’essere del corpo, diventando consapevole della posizione del corpo, del suo peso. Osservare il corpo senza giudizio, restando nella totale attenzione di ciò che è percepibile realmente. Quando la mente inizierà a vagare, a pensare ad altro, limitarsi ad osservare i pensieri che emergono senza intervenire.
  • Ripetere un mantra: scegliere una frase o una parola e ripeterla per diversi minuti. Spesso viene usato il suono primordiale ‘Om’, il suono che secondo l’induismo ha dato origine al mondo.
  • Camminare e ascoltare: mentre si cammina in modo estremamente lento, ad occhi bassi, quasi socchiusi, si focalizza l’attenzione su ogni minimo movimento del corpo, partendo ad esempio dalla percezione del peso corporeo sulle diverse parti della pianta del piede.

Il meccanismo di base è però unico: restare in osservazione di ciò su cui si è scelto di portare l’attenzione (respiro, corpo, etc.) senza divagare nei e con i pensieri. Quando un pensiero si intromette se ne prende atto e gentilmente si riporta l’attenzione all’oggetto scelto, senza mettere in atto meccanismi di giudizio, o altri pensieri.

Perché meditare?
Nata come strumento per accedere ad una conoscenza profonda della vita, può essere usata con diverse finalità. Oggigiorno la meditazione viene utilizzata anche per ‘risolvere’ momenti di tensione: nervosismi, ansie o affaticamenti possono essere riequilibrati con pochi minuti al giorno di pratica. Usata come tecnica di rilassamento e ascolto volta all’ottenimento di un pausa dal normale funzionamento mentale, la meditazione viene in soccorso a tutti quelli che cercano un sollievo immediato dallo stress.
La pratica costante favorisce lo sviluppo di qualità quali la stabilità, la calma interiore e diminuisce la reattività ed ha anche effetti benefici sul corpo: la meditazione infatti aiuta a modificare la percezione del dolore conducendo a una netta diminuzione della risposta a livello centrale dalle vie dolorifiche. Inoltre la disidentificazione dal dolore consente una discriminazione tra la percezione fisica e il contenuto cognitivo e affettivo.
Per questi ed altri effetti si è cominciato ad impiegare la meditazione anche in ambito psicoterapeutico: apprendere la capacità di osservare senza giudizio non solo offre una possibilità per ridurre le sofferenze, ma rappresenta anche uno strumento utile per lavorare sul miglioramento dell’autostima, la gestione dell’ansia, etc. Il pensiero si sposta perennemente e spesso questo inarrestabile e caotico vagare conduce il soggetto a perdersi, a scordarsi di dove è e cosa sta facendo. Funzionando quasi ‘in automatico’ si perde la consapevolezza del corpo e della mente, si dimenticano le azioni mentre vengono svolte: la mente è altrove.
Lo psicologo sa quanto si muova il pensiero, errando da un posto all’altro senza riposo: tra il ricordo del passato e le preoccupazioni sul futuro ci si dimentica del presente. Questo presente è l’unico luogo, l’unico tempo reale, sul quale possiamo agire e scegliere.
Dalla condizione che crea lo stato meditativo si ha la possibilità di osservare la situazione da una molteplicità di prospettive, prima inconcepibili, ci si apre a informazioni finora sconosciute e si creano così comprensioni nuove che aprono strade prima bloccate. È come se gli occhi vedessero meglio, le orecchie sentissero suoni prima inudibili, la mente, che si è fatta più acuta e ricettiva, non intontita dal brusio comune si apre a idee, intuizioni, insight prima inimmaginabili. Imparare a tornare nel qui ed ora, in ascolto di ciò che siamo, di ciò che il corpo dice, è il modo migliore per vivere una vita piena, soddisfacente, allontanando la comune sensazione di ‘tempo che fugge’.

La meditazione fa per me?
La maggior parte degli uomini vive ‘lontano’ da sé stesso, stando alla superficie del suo essere, altamente esposto alle influenze del mondo esterno. “L’uomo vive proiettato fuori del corpo e quando incontra un essere sgradevole, anche lui proiettato fuori, ne resta sconvolto” (1). La pratica apre nuove strade e in qualche modo insegna il senso della relatività delle cose: allora, qualunque cosa accada, ci si può raccoglie e osservare, senza re-agire, al fine di non farsi travolgere dagli eventi esterni, causa di stress, ritrovando il proprio centro e individuando il modo di agire senza condizionamenti e ‘attacchi’ di emotività. La meditazione insegna a ‘rientrare’ in se stessi e trovare un luogo calmo, quieto dove ritrovare le proprie energie profonde.
La meditazione, quale strumento olistico per eccellenza, è stato studiato per e sugli adulti, ma ciò non toglie che tale pratica favorisca il benessere anche di bambini e anziani. Essendo una tecnica non invasiva, altamente adattabile alle esigenze dell’utente, la meditazione è applicabile con buoni risultati per la riduzione dello stress, nella gestione del cambiamento, nel trattamento dell’iperattività nei bambini, etc.
La meditazione, nelle sue varie forme, migliora la qualità del sonno, senza indurre effetti collaterali. È risultata utile nel miglioramento della regolazione delle emozioni in chi soffre di ansia e di alcune forme depressive. Più in generale la meditazione può rivoluzionare il modo di vivere la propria vita, aiutando a migliorare la qualità dell’esistenza.

(1) La Madre – Colloqui sullo Yoga integrale

Il Rebirthing: una tecnica per superare gli attacchi di panico

Standard
Il Rebirthing: una tecnica per superare gli attacchi di panico

Il Disturbo da Attacchi di Panico (DAP) è una patologia molto diffusa nel nostro secolo: solo in Italia soffrono di panico almeno 7 milioni di persone.

L’attacco di panico è improvviso e spontaneo, può colpire chiunque senza distinzione e può durare dai 5 ai 30 minuti,  provocando una serie di sintomi che variano da individuo a individuo. La componente che maggiormente caratterizza il disturbo di panico è senza dubbio la paura del prossimo attacco: una sola crisi può bastare a far nascere il timore che essa possa ripetersi, portando ad un’ansia anticipatoria: “ paura di aver paura”. Sorge un’inconscia paura di respirare liberamente, il soggetto teme di perdere il controllo se si lascia andare a ciò che emerge da dentro.

Il DAP è quindi sempre caratterizzato da un’intensa paura che porta ad un senso di disorientamento, timore di soffocare, di perdere il controllo, di impazzire, di morire.

Un attacco di panico esplode senza avvisaglie, esprimendosi con una paura travolgente che si manifesta senza alcuna ragione apparente.

Un attacco di panico si contraddistingue dalle seguenti condizioni:

  • Capita improvvisamente, senza preavviso e senza controllo possibile.
  • La paura è esagerata, se non addirittura totalmente indipendente, rispetto alla situazione.
  • Dura da pochi minuti a mezz’ora circa e vi possono essere attacchi di panico ripetuti di continuo per ore.

Un attacco di panico non è pericoloso, ma può essere terrificante, soprattutto perché si sente di perdere completamente il controllo.

La paura può dar luogo a una serie di fobie che determinano delle limitazioni alla vita personale e sociale e gli effetti possono variare dal deterioramento delle relazioni sociali all’incapacità completa di affrontare il mondo esterno.

IL REBIRTHING

Filippo Falzoni Gallerani ha sviluppato in Italia la scuola di Rebirthing Transpersonale. Egli sostiene la presenza di una importante relazione tra le alterazioni del respiro e gli attacchi di panico e da anni afferma l’efficacia di questa tecnica a mediazione del respiro. Le tensioni emotive, lo stress ed i traumi possono bloccare il nostro corpo, lasciarvi un segno importante, che va a inficiare il corretto e libero fluire del respiro e la circolazione dell’ossigeno: il Rebirthing insegna a respirare meglio. Il terapeuta invita la persona sdraiata a portare l’attenzione al respiro e a fare inspirazioni ed espirazione profonde per raggiungere una respirazione di tipo circolare. Spingendo l’aria nell’addome si facilita lo sblocco del diaframma, il più importante muscolo della respirazione, e si instaura un ritmo ampio, libero e costante. Il respiro circolare trova con naturalezza il suo ritmo, portando la persona in contatto profondo con l’onda respiratoria, facendo emergere emozioni, sensazioni e ricordi.

REBIRTHING E ATTACCHI DI PANICO

Il dott. Falzoni sottolinea il rapporto esistente fra la crisi di panico e gli squilibri associati alla respirazione (l’articolo sul sito www.rebirthing-italia.com)

Attraverso il Rebirthing c’è la possibilità di lavorare sia sul respiro, entrando in contatto col blocco e ristabilendo il corretto fluire, sia sulla causa primaria del problema, operando per sbloccare emozioni o traumi repressi, rimasti ancorati nel corpo.

Con il metodo del Rebirthing si può rapidamente ristabilire in modo duraturo l’equilibrio, sciogliendo i blocchi bioenergetici, cause dell’ipoventilazione, ed elaborando le emozioni represse. Durante la seduta di Rebirthing il paziente ha la possibilità di rivivere in un contesto particolarmente protetto i propri sintomi arrivando così a riconoscere che il respiro non è pericoloso, ma che può rappresentare la cura. Sperimentando il respiro circolare, il paziente comprende la natura delle sensazioni vissute, ne percepisce la naturalezza liberandosi dall’ansia di morte o di panico. Il sintomo cambia aspetto, anzi possiamo dire che cambia lo sguardo col quale il soggetto guarda al proprio sintomo: non è più una malattia, magari mentale, ma diviene un’espressione di disagio dell’anima, che attende di essere liberata da vecchi traumi e da blocchi difensivi.

Entrare coscientemente in contatto con le proprie sensazioni fisiche, i blocchi della corazza muscolare e le proprie emozioni, con l’aiuto della constante presenza di un esperto, consente al soggetto di prendere coscienza che ciò che lo spaventa, le sue dinamiche fisiche e psicologiche, possono essere vissute in tranquillità, affrontate con quiete e comprese nella loro vera natura.

Questo nuovo modo di sperimentare sia le reazioni corporee che l’insorgere delle emozioni e dei ricordi, spesso traumatici, dimostra alla persona l’esistenza di un modo “altro”, diverso, di rispondere ai sintomo, di rapportarsi con i vissuti consci ed inconsci e conduce ad una riorganizzazione maggiormente armonica della personalità. Questo nuovo modo di vivere è caratterizzato da un maggior contatto tra psiche e corpo, un maggior equilibrio che passa inevitabilmente attraverso la conoscenza del proprio corpo, ma anche del proprio Sé profondo.